Seguici su

Esperienze operative

Scialpinisti in salita sul Monte Rotella in Abruzzo supportati via radio durante un peggioramento repentino delle condizioni meteorologiche: il CANALE 8-16 a prevenzione delle emergenze in montagna

Simone Lucarini 27/02/2017

Domenica 26/02/2017 due gruppi di alpinisti e scialpinisti, in zona Alto Sangro, sono stati supportati via radio durante un repentino peggioramento delle condizioni meteo. Il CANALE 8-16, la frequenza radio di libero uso di sicurezza ed emergenza in montagna, è stato un valido strumento di prevenzione degli incidenti in montagna.

Escursionista precipita sulla Majella in una zona in cui il telefono non prende: allarme diramato via radio sul CANALE 8-16 della Rete Radio Montana

Simone Lucarini 03/08/2016

Un escursionista precipita sul massiccio della Majella ma il telefono in quella zona non ha segnale GSM. Fondamentale l'aiuto di un utente della RRM, che si trovava nelle immediate vicinanze del luogo dell'incidente, che ha diramato una chiamata di emergenza via radio sul CANALE 8-16. Un secondo membro della RRM, che scendeva dal Pizzo Intermesoli sul Gran Sasso, ricevuta la chiamata di emergenza, ha provveduto quindi ad inoltrare la richiesta di soccorso al 118. L'escursionista viene recuperato dall'elicottero dei Vigili del Fuoco e portato in ospedale.

Nella nebbia sul Monte Penello (entroterra di Genova): guidati fino alla loro auto da due utenti della Rete Radio Montana

Simone Lucarini 18/04/2016

Due escursionisti anziani, smarriti nella nebbia sul Monte Penello in provincia di Genova, sono stati accompagnati verso la propria autovettura da un utente della RRM, che nel frattempo era supportato via radio sul CANALE 8-16 da un altro utente della RRM, che dalla città era in attività di monitoraggio radio da postazione fissa. Stanchi, fradici, ma rientrati sani e salvi alla propria autovettura.

Escursionista smarrito con il buio sui Monti Lucretili: situazione critica supportata via radio tramite la Rete Radio Montana

Simone Lucarini 26/01/2016

Perso il sentiero nel pomeriggio, un escursionista si è trattenuto nei pressi di Monte Gennaro oltre l'orario di rientro previsto, ed è stato costretto a proseguire nel buio, senza torcia e con il cellulare scarico, cercando un'alternativa al sentiero iniziale, che poco conosceva. Certo di aver preso un sentiero che lo avrebbe portato in paese, aveva invece seguito un sentiero errato lungo una vallata, che comunque dopo tre ore di tensione e preoccupazione lo ha portato fino al centro abitato. Durante le tre ore è stato supportato via radio da un operatore della Rete Radio Montana, che si teneva pronto ad allarmare il Soccorso Alpino in caso di emergenza. Ferito lievemente sulle mani, ma nulla di grave.